Archivio

Perché l’Archivio?


Caselli – Luzzara (RE) 1893 La Spezia 1976 – è uno dei maggiori pittori spezzini ed è uno dei più conosciuti e amati dagli spezzini stessi. Nel corso della sua lunga carriera, ha dipinto migliaia di opere, raffigurando ampiamente il territorio della provincia della Spezia, il suo Golfo e la Lunigiana; ha ritratto numerosi personaggi della storia spezzina e ha raffigurato innumerevoli scene dedicate al mare. Ha anche rappresentato la vita nel campo di prigionia di Mauthausen, dove è stato prigioniero durante la Prima Guerra Mondiale, e ha dipinto numerose opere premonitrici del dramma del successivo conflitto. Le opere di Caselli sono presenti in collezioni private e pubbliche in tutto il territorio nazionale, ma anche all’estero, la parte più rilevante nella provincia della Spezia.
Nonostante la valenza dell’artista, non esisteva un Archivio che si occupasse di valorizzare, promuovere e tutelare la sua immagine.


Come è nato?


L’Archivio Giuseppe Caselli è stato costituito nel 2016, anno del 40° anniversario dalla morte dell’artista, da Startè, un’associazione culturale senza fini di lucro, nata alla Spezia nel 2010 per promuovere l’arte italiana che nel corso degli anni ha organizzato mostre in prestigiose sedi istituzionali italiane e internazionali, tra cui Los Angeles, New York, Stoccolma, Bruxelles, Strasburgo, Genova, Rapallo, collaborando con alcuni tra i più prestigiosi artisti italiani.


Cosa fa?


L’Archivio Giuseppe Caselli, procedendo alla catalogazione documentale scientifica delle opere, ha l’obiettivo di valorizzare, promuovere, tutelare e diffondere la figura, l’immagine e l’opera dell’artista. Inoltre svolge attività collaterali quali: organizzare mostre personali; sviluppare ricerche e studi, oggetto anche di attività editoriali; formazione nelle scuole e nelle università; rilevazioni di mercato delle opere prodotte.


Da chi è costituito?


L’Archivio Giuseppe Caselli è composto da un Comitato Scientifico, presieduto da Francesco Vaccarone, artista spezzino e allievo di Caselli. Il Comitato svolge le principali attività scientifiche volte alla valutazione, alla catalogazione e all’archiviazione delle opere, e supervisiona tutte le attività espositive, scientifiche, editoriali, formative e di mercato.

Compongono il Comitato Scientifico:

Presidente: Francesco Vaccarone
Segretario: Paolo Asti, presidente Associazione Culturale Startè
Membro: Valerio Dehò, professore di Estetica Accademia di Belle Arti di Bologna

Collaborano stabilmente con le attività dell’Archivio e del Comitato Scientifico:

Francesca Rozzi, membro dell’Unità di ricerca psicologia e arte Università Cattolica di Milano

Silvia Ferrari, dottore di ricerca in Filosofia Estetica